Se il Junk food potesse parlare

Due studenti della Miami Ad School, Alessia Mordini e Rodrigo Dominguez hanno avuto un’idea semplice ma quanto mai geniale per la realizzazione di un progetto grafico molto interessante. L’idea è questa: se le confezioni del cibo spazzatura, in America conosciuto come junk food, potessero parlare, qual è la prima cosa che ci direbbero? La risposta è ovviamente le calorie contenute al loro interno.

Ma perché fare una campagna sul junk food?

La campagna lanciata dai due ragazzi punta il dito sugli effetti che il cibo poco sano ha sul nostro corpo e sulla nostra dieta quotidiana. In più, cerca di aiutare il consumatore a diventare più consapevole delle cose che sta scegliendo di mangiare.

Forse, se potessimo leggere a lettere cubitali, sulla confezione di gelato o cioccolata o patatine, il numero di calorie che stiamo per assumere, ci penseremmo due volte prima di scartare la confezione.

Certo, cadere in tentazione è spesso facile. Ma, forse, qualche piccolo peccato di gola consapevole ogni tanto potrebbe esserci concesso se non rischia di danneggiare la nostra salute. Se poi si ha la consapevolezza che a guardarci le spalle ci pensa un amico fidato come Syneron Candela, allora perché no?

Il brand leader mondiale nei trattamenti di medici estetica, da anni mette al servizio della nostra bellezza, esteriore quanto interiore, la sua tecnologia. Un’offerta di macchinari all’avanguardia come UltraShape Power, capace di distruggere le cellule di grasso corporeo in modo selettivo, attraverso una tecnica chiamata “lipotrissia”.

Rimodella il tuo corpo in maniera veloce e poco invasiva

Grazie a degli ultrasuoni focalizzati, onde sonore ad altissima frequenza, in grado di colpire le cellule adipose sottocutanee in maniera precisa. Così facendo, lascia intatti la pelle, i vasi sanguigni e i tessuti connettivi circostanti. Uno strumento cento volte superiore alle apparecchiature già presenti sul mercato e, per di più, facile, sicuro e senza lasciare tracce sul corpo. Con sedute walk-in, walk-out non invasive di 45 minuti, annulla ogni tempo di inattività e ogni segno post operatorio come ecchimosi, cicatrici e gonfiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *