Macchie solari: come rimuovere dalla tua pelle i segni dell’estate

Con l’arrivo dell’autunno l’estate sembra un lontano ricordo, peccato che a volte ci lasciamo dei ricordi indelebili sulla pelle.

Si sa l’estate è la stagione della spensieratezza: aumenta il desiderio di passare le giornate al mare o all’aria aperta e diminuisce la voglia di andare a lavorare; non si sta attenti a quel che si mangia (tanto la prova costume è già arrivata ed è finito il tempo delle diete drastiche); seguire delle regole diventa ancora più difficile. Insomma, d’estate sembra quasi che gli unici impegni da rispettare siano rilassarsi, divertirsi e godere intensamente di ogni momento.
Meglio però conservare i ricordi estivi nella galleria del cellulare, nella propria memoria, o condividerli sui social, piuttosto che ritrovarsi sulla pelle delle macchie solari causate da una prolungata ed errata esposizione al sole.
Per evitare che succeda, ci sono delle piccole raccomandazioni da seguire. Una donna su tre presenta delle macchie solari sul proprio corpo, le zone più colpite sono: viso, collo, décolleté, dorso della mani e spalle.

Ma cosa sono di preciso queste antiestetiche macchie che spuntano sulla nostra pelle? Scopriamolo insieme.

Le macchie solari sono un’iperpigmentazione della pelle, cioè una sovrapproduzione di melanina, che dà luogo a un’alterazione cromatica della pelle.

Esistono diversi tipi di macchie: quelle scure (generalmente grigio-marrone) di origine ormonale dette “melasma”che solitamente compaiono in giovane età su fronte, zigomi e labbro superiore. Contrariamente a quanto si può immaginare a esser più soggetti al melasma sono i fototipi scuri.

Le “efelidi”, da non confondere con le lentiggini, si presentano come piccole macchie dal bordo indefinito; possono essere rosse o scure, compaiono di solito nella prima infanzia, nei soggetti con familiarità, specie se di fototipo 1 e 2 (rossi e biondi). Si localizzano nelle zone fotoesposte (viso e dorso delle braccia) e con il sole aumentano di numero e di intensità, ma senza mai diventare troppo scure. Sono macchie piuttosto profonde.

Le “lentigo”, ovvero le macchie scure circoscritte causate da un’eccessiva e incontrollata fotoesposizione che insorgono dopo i 50 anni o in giovane età se esiste predisposizione genetica.

Le “cheratosi attiniche o solari”, meno frequenti di melasma e lentigo solari, si presentano con piccoli rilievi scuri, irregolari e ruvidi al tatto; anche queste sono provocate da un’eccessiva esposizione al sole. Compaiono in genere dopo i 40 anni in zone esposte alla luce. La particolarità di queste macchie è che si manifestano soprattutto negli uomini, concentrandosi su fronte e cuoio capelluto. Vanno tenute sotto controllo perché possono trasformarsi in un tumore maligno della pelle; i medici consigliano di eliminarle del tutto con una terapia laser.

In generale le macchie dipendono da un malfunzionamento dei melanociti, le cellule che producono melanina, che è causato da molti fattori: una dieta sbagliata che affatica il fegato, sbalzi ormonali dovuti all’assunzione di contraccettivi o ad altre terapie ormonali; il periodo della gravidanza o dell’allattamento; l’invecchiamento.
Tra tutte, la causa principale è un’ errata esposizione al sole. I raggi solari sono dannosi non soltanto in estate ma anche negli altri periodi dell’anno, per questo motivo è sempre consigliato l’utilizzo di creme e fondotinta con SPF: se la pelle è molto chiara è necessaria una protezione totale o con un fattore a partire da 15 in su; se si ha un fototipo più scuro si può anche scegliere una crema a basso indice di protezione.

Le lunghe ore passate in riva al mare a prendere il sole sono sempre piacevoli ma è anche importante proteggere nel modo adeguato la pelle per non avere brutte sorprese in un momento successivo; evitare quindi di andare al mare nelle ore più calde, applicare la crema solare subito dopo essersi bagnati, bere tanta acqua e non mettere profumi poco prima, sono le piccole accortezze da seguire.
Può capitare però che le macchie si presentino anche se si è stati molto attenti a seguire tutte le raccomandazioni, in quel caso esistono rimedi per poter rimuovere definitivamente le macchie e far tornare la propria pelle come quella di un tempo.
Il laser a picosecondi Picoway di Syneron Candela può rappresentare il metodo più efficace e risolutivo. Questo tipo di laser di ultima generazione a doppia lunghezza d’onda, emette impulsi ultra brevi di energia più concentrata e quindi una frammentazione più massiva delle singole particelle del pigmento naturale. I risultati sono visibili già dalle prime sedute e su diversi tipi di pelle (fototipo chiaro, fototipo scuro); gli impulsi a picosecondi consentono un trattamento più confortevole per il paziente e una guarigione più rapida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *