Lipofilling e chirurgia per il doppio mento

Da oggi, il doppio mento ha un nemico in più: la chirurgia estetica più avanzata. Il doppio mento è un problema molto diffuso, causato da un eccesso di grasso adiposo al di sotto della mandibola.

Si tratta di un difetto che colpisce soprattutto le persone in sovrappeso o obese, ma può anche essere presente in chi è normopeso. Le possibilità di trattamento sono sia mediche sia chirurgiche. In ambito medico, la soluzione più semplice è costituita da iniezioni di acido desossicolico (prodotto anche dal nostro fegato). Come effetto collaterale, però, queste iniezioni provocano nella zona trattata un gonfiore, che si riassorbe gradualmente nell’arco di 10-15 giorni. Possono essere eseguiti più trattamenti di questo tipo.

Esistono anche altri tipi di trattamenti, come la radiofrequenza bipolare (velashape III). Questa procedura consiste in una riduzione del volume delle cellule adipose portando l’ipoderma a 42°, cui faranno seguito una serie di processi fisiologici come la creazione di nuovo collagene.

L’ultima spiaggia è il ricorso alla chirurgia, e quindi alla liposuzione del mento. In anestesia locale e minima sedazione si aspira, mediante piccole cannule, il grasso in eccesso. I punti di sutura sono uno o due, e non lasciano cicatrici visibili. La liposuzione al mento è indicata nei pazienti giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *