Sempre più spesso gli italiani, così come i vip, decidono di affidarsi alla chirurgia estetica e ai trattamenti mini invasivi non per stravolgere i propri tratti del viso o per sembrare persone completamente diverse, ma per star meglio con sé stessi e per eliminare dei piccoli disagi che non ci fanno vivere serenamente.

I motivi per sottoporsi a un trattamento estetico sono i più vari, ma nella maggior parte dei casi i pazienti che decidono di operarsi, appunto, hanno convissuto per anni con un difetto fisico evidente che ha creato loro problemi nello stabilire relazioni affettive e nella vita sociale. Si parla di nasi storti o ingobbiti, di palpebre cadenti o labbra sottili, tutti inestetismi facilmente “curabili” con piccoli interventi. In questo senso, la chirurgia estetica può essere una soluzione efficace che permette un recupero dell’autostima e che non fa sentire la persona un estraneo nel proprio corpo.

La decisione di sottoporsi ad un trattamento estetico non va però presa a cuor leggero; per questo, è necessario rivolgersi a professionisti qualificati che conoscono il proprio mestiere, e che sapranno consigliare il paziente al meglio. I trattamenti mini invasivi possono anche essere un modo per avvicinarsi alla chirurgia estetica, e per cercare di modificare pian piano quei difetti che ci fanno sentire poco sicuri di noi.