Innanzitutto, è bene sfatare qualche falso mito sulla cellulite. Primo falso mito: dimagrendo, si perde la cellulite. Falso! Se si tratta di cellulite al terzo o quarto stadio, infatti, difficilmente potrà scomparire con una dieta; se invece si parla di cellulite nelle fasi iniziali, legata soprattutto all’accumulo di liquidi, dimagrire potrebbe essere d’aiuto.

Fare molto sport da giovane contrasta la comparsa della cellulite in età matura. Non è proprio vero: dopo i quarant’anni, il problema è legato soprattutto al sistema endocrino femminile. La cellulite compare anche quando il corpo subisce alterazioni ormonali.

La cellulite è solo un problema delle persone in sovrappeso. Falso! La cellulite può venire a chiunque, anche alle persone più magre. Molti pensano poi che la cellulite si possa risolvere solo con le creme. Ma il disturbo investe lo strato sottocutaneo ed è, quindi, difficile risolverlo con trattamenti topici.

Come risolvere, allora? I trattamenti offerti dalla chirurgia estetica però non sono l’unico rimedio; esistono molti trattamenti mini invasivi che, abbinate ad una dieta equilibrata e ad un’attività fisica costante, possono davvero contrastare la cellulite.

In istituti di bellezza, i metodi più efficaci sono i massaggi linfodrenanti, apparecchiature a rulli, gli ultrasuoni a cavitazione, le onde d’urto e la radiofrequenza. Le onde d’urto sono perfette per trattare la pelle a buccia d’arancia; la radiofrequenza consiste in onde elettromagnetiche che producono calore, con l’effetto di stimolare la circolazione, drenare i liquidi e rigenerare il collagene, tonificando la pelle.

VelaShape III, ad esempio, combina radiofrequenza, laser a infrarossi e aspirazione meccanica per dare risultati rapidi e visibili grazie all’azione simultanea che si ottiene sia sugli strati superficiali che su quelli profondi. Risultato: riduzione localizzata della lassità e circonferenza dell’area trattata e miglioramento generale del tono e aspetto della cute.